Necrologio

nando e alma

probabilmente a Venezia nei pressi della stazione; era mio zio (aveva sposato la sorella di mia madre)

Ad Avellino era presidente della Coldiretti e in tale veste aveva conosciuto De Mita nal periodo di massimo fulgore per entrambi (in proposito vedi la scheda di Wikipedia):

Luigi Ciriaco De Mita (Nusco, 2 febbraio 1928Avellino, 26 maggio 2022) è stato un politico italiano, Presidente del Consiglio dei ministri dal 1988 al 1989, più volte ministro e sindaco di Nusco dal 26 maggio 2014 alla morte.

Raggiunse l’apice del potere politico negli anni ottanta[1], quando fu Presidente del Consiglio dei ministri in un governo formato dalla coalizione del Pentapartito (DCPSIPRIPSDIPLI) che cadde nel maggio del 1989, a causa di una crisi di governo cagionata dal leader socialista Bettino Craxi (suo principale alleato-rivale). È stato inoltre segretario nazionale dal 1982 al 1989 e poi presidente della Democrazia Cristiana dal 1989 al 1992, nonché quattro volte ministro. Deputato dal 1963 al 1994 e dal 1996 al 2008 ed europarlamentare dal 1999 al 2004 (è contemporaneamente deputato ed eurodeputato, analogamente a Franco Marini) e dal 2009 al 2014, dopo la DC ha fatto parte del Partito Popolare Italiano e della Margherita e dal 2008 al 2017 dell’Unione di Centro.

Ha inizialmente aderito al progetto del Partito Democratico. Non ricandidato alle elezioni politiche del 2008 per via dello statuto del PD, che puntava ad un rinnovo della classe politica, ha aderito all’Unione di Centro. Ultimo importante incarico ricoperto è stato quello di presidente della seconda Bicamerale per le riforme costituzionali tra il 1992 e il 1993.

Fu soprannominato criticamente il padrino della DC e l’uomo del doppio incarico (segretario della DC e Presidente del Consiglio). Tra i principali esponenti della cosiddetta Prima Repubblica, ha avuto indirettamente una forte influenza su tutta la vita politica degli anni successivi. Difatti a De Mita si deve la nomina di Romano Prodi come suo consigliere economico e poi presidente dell’IRI[2], dando inizio alla sua carriera politica; infine sempre a De Mita si deve l’impegno in politica di Sergio Mattarella nelle file della sinistra Democristiana.

Ciriaco De Mita è morto ieri 26 maggio 20222

ELS language center

Forse avrete notato che alcune foto di famiglia le ho lasciate riservate e quelle di viaggio le ho omesse perché hanno un interesse solo personale

lezione di inglese

sopra l’insegnante di inglese a San Francisco i cui corsi ho frequentato per un mese; all’epoca non c’erano ancora in Italia i Mcdonalds ma lui si portava il panino da casa e io preferivo la mensa scolastica (gestita dai cinesi)

Liceo Bondeno

seconda B

prima A

Il primo anno che ho insegnato al biennio del liceo scientifico mi hanno assegnato italiano latino e storia nella sezione B e latino nella sezione A; l’altro insegnante di lettere era il prof. Modestino (che era figlio del mio preside quando avevo frequentato il classico di Ferrara)

Lo vedete qui in piedi a destra nella foto, a sinistra la bidella; seduto in basso il prof di matematica, io sono quello seduto coi calzoni bianchi.

Gli alunni erano solo 14 e a loro insegnavo solo Latino

La classeB la ripresi in quinta: trovate la loro foto in questo stesso blog e ve ne ho parlato in occasione della loro recente riunione

maggio

Dal solito calendario di FB partendo dall’alto a sinistra: la locandina di una manifestazione; una mia foto di Paola Quattrini a teatro; mia nonna che attraversa a piedi il ponte di San Giovanni per andare a messa; il Living Theatre; il negozio nel 1930, il volantino dell’inaugurazione nel 1969; la sala di proiezione del cinema Argentina; un concerto di Guccini.

Divi & divine

Nel corso del tempo ovviamente ho visto diversi spettacoli, eventi e mostre e qualcuno l’ho anche fotografato (con i mezzi all’epoca a disposizione):

teatro comunale

Nella foto sopra Manuela Saletti, Chierici Alberto, Dino Giatti e io siamo in un palco a Ferrara per uno spettacolo di Giorgio Gaber; nella foto sotto a Finale Emilia un temporale ci sorprese durante un concerto di Paolo Conte e ci rifugiammo negli spogliatoi del campo di calcio!

Cosplay

Se non lo sapete è una “mascherata” in cui le persone vestono i panni dei personaggi dei fumetti:

qui ero a Mantova comics nel 2010, pre-pandemia.

Con uno schermo verde alle spalle si possono creare sfondi immaginari anche per video, l’effetto si chiama croma-key.

maga nella foresta

Predazzo

Qui con mio padre e mia madre in montagna (non sono riuscito a togliere le righe di scansione)

Conosciuta anche con il nome de “Il Giardino Geologico delle Alpi” in quanto custodisce la più alta concentrazione di varietà geologiche al mondo, Predazzo si trova in una posizione privilegiata e favorevole al centro tra la Val di Fiemme e la Val di Fassa e alla fine della Val Travignolo.

predazzo 1949

Dischi

Mentre io e altri imparammo a leggere sui fumetti il mio rapporto con i dischi fu tardivo (in compenso saltai a piè pari i 45 giri a favore degli LP):

il mio primo disco (1967)

Allora l’acquisto era lungamente meditato , infatti inizialmente avevo comprato la colonna sonora di 2001 odissea nello spazio e lo cambiai con questo, (prezzo lire 1350); un giorno di novembre appena arrivato a Bologna in università.

Mio padre mi passava 4000 a settimana per le spese di studio (del vestiario si occupava mia madre) quindi tasse scolastiche e trasporto ferroviario Bondeno-Bologna erano a mio carico; sarà per quello che quell’anno persi 10 chili e fui riformato alla successiva visita di leva! 😉