Per non dimenticare

Nel 1991 l’Italia era la quarta potenza industriale mondiale. Un traguardo frutto del modello economico sancito dalla Costituzione, quello misto pubblico-privato. Lo Stato, per mezzo delle partecipazioni statali e dell’IRI, svolgeva il ruolo di imprenditore nei settori strategici (energia, acciaio, chimica, aerospazio, meccanica, comunicazioni), dirigeva lo sviluppo del paese e interveniva per salvare le aziende in crisi tutelando produzione ed occupazione. Nel 1992 il Governo Amato (con Draghi direttore generale del Ministero del Tesoro) avvia la privatizzazione del patrimonio pubblico, poi portata a termine fra il 1996 ed il 1999 dai Governi Prodi e D’Alema. Risultato: la distruzione del nostro tessuto produttivo, la perdita di rilevanza internazionale e la dipendenza dall’estero. Una catastrofe economica, sociale e civile senza precedenti.Iscriviti al nostro canale Telegram

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.