Pece e piume

La
prevista privatizzazione del 40% di Poste Italiane porterà nelle casse
dello Stato 4 miliardi, grazie ai quali il nostro debito pubblico calerà
drasticamente dagli attuali 2160 miliardi a 2156 (!). Senza contare che
l’utile annuale prodotto da Poste (1,2 miliardi), da quel momento
frutterà allo Stato 700 milioni. Un’evidente nonsenso, che suscita una
domanda spontanea: Poste Italiane va privatizzata perché occorre ridurre
il debito pubblico, o la trappola ideologica del debito pubblico serve a
privatizzare Poste Italiane? – See more at:
http://www.bondeno.com/2015/03/17/pece-e-piume/#sthash.IC3DxzFA.dpuf